"Apnea" Vanni Cuoghi

Il Festival La Milanesiana, ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi, per la prima volta sarà a Monza, presso il M.Ar.Co Museo di Arte Contemporanea, nella splendida cornice di Villa Reale.
La mostra, curata da Elisabetta Sgarbi su progetto di allestimento di Luca Volpatti, è composta da ventiquattro piccoli diorami realizzati con la tecnica della psaligrafia. Le opere di Cuoghi sono piccoli teatrini che rappresentano camere d’albergo, uffici, gallerie d’arte e diner in cui un’umanità, composta da personaggi fatti di carta ritagliata, sembra attendere, trattenendo il fiato, l’evolversi di un’immane catastrofe. 

Nate in seguito all’esperienza di reclusione e isolamento vissuta da Vanni Cuoghi a causa del passaggio di un tifone, per molti tratti simile a quella vissuta da tutti noi in questi mesi, le opere provengono dalla Galleria Rossi & Rossi di Hong Kong per cui sono state concepite. 

“Ho chiamato questa serie di lavori Monolocali, perché tutta la narrazione si svolge in una stanza sol- tanto. Ho vissuto sempre in case molto piccole e anche io mio studio è di soli 25 metri quadrati. Negli ambienti piccoli tutto si amplifica e viene pervaso da un forte senso di mistero: un rumore proveniente dal piano di sopra nel cuore della notte, non può che celare un dramma che si sta consumando.” Vanni Cuoghi 

“In Apnea, le opere di Cuoghi entrano nelle stanze e ci invitano a immaginare. Immaginare un mondo di interni, diverso. Immaginare che non esista nulla al di là di quello che viviamo negli interni, un mondo ideale, dentro, che ci salva da quello fuori, pericoloso, virulento. E così quegli interni diventano inqua- drature e dunque cinema.” 

Elisabetta Sgarbi 

“Monza Arte Contemporanea è un’associazione culturale che opera da anni sul territorio con lo scopo di divulgare l’arte contemporanea permettendo ai fruitori un vasto calendario di eventi di carattere pub- blico, supportato da un progetto didattico nelle scuole e da una serie di incontri per poter arrivare ad un target di persone sempre più vasto. Vede nella Milanesiana il partner ideale per permettere alla città di Monza di collaborare sinergicamente con associazioni che abbiano la stessa nobile missione. Vediamo nella Milanesiana gli stessi intenti portati a termine grazie ad un importante lavoro di cooperazione tre le parti, un lavoro di grande generosità artistica ed intellettuale. L’importanza della divulgazione culturale è un elemento fondamentale per una consapevole trasformazione della cultura civica.” 

 

Maurizio Caldirola